climaIl mantenimento della temperatura interna di un'abitazione, negozio o ufficio è diventata un'esigenza fondamentale per il comfort ed il benessere della famiglia, dei dipendenti e dei clienti. Oltre al raffrescamento degli ambienti, gli impianti moderni di condizionamento regolano anche la percentuale di umidità, fattore importante nella percezione del caldo o del freddo.

 La nostra azienda mette a disposizione uno staff esperto e soluzioni all'avanguardia per la realizzazione e la manutenzione di impianti di condizionamento civile e industriale. Il cliente potrà scegliere tra:

climatizzatori mono e multisplit a pompa di calore
condizionatori inverter
condizionatori a parete, a pavimento
climatizzatori canalizzabili

Regolamentazione F-gas

Il Regolamento (EC) No 517/2014 sui gas fluorurati ad effetto serra mira a ridurre le emissioni di questi gas  attraverso  una pluralità di misure: norme relative al contenimento, all’uso, al recupero, distruzione dei gas fluorurati ad effetto serra, condizioni riguardanti la collocazione sul mercato di certi tipi di prodotti o di  dispositivi che contengono o si basano sui gas fluorurati ad effettoserra (divieti), usi specifici di questi gas (divieto di manutenzione con alcuni gas), limiti quantitativi di collocazione sul mercato degli HFC (eliminazione). Regolamentazione F-gas – Gas fluorurati ad effetto serra

Il paragrafo 1 dell’articolo 4 relativo a «Controlli delle perdite» sancisce:

« Gli operatori di apparecchiature contenenti gas fluorurati ad effetto serra con valore ≥ 5 tonnellate di CO2 equivalente provvedono affinché queste siano controllate per verificare la presenza di eventuali perdite»

«Le apparecchiature ermeticamente sigillate contenenti gas fluorurati ad effetto serra < 10 tonnellate di CO2 equivalente non sono soggetti ai controlli delle perdite purché le apparecchiature siano etichettate come ermeticamente sigillate»

Il paragrafo 2 definisce applicabilità del paragrafo 1 a impianti fissi di refrigerazione, condizionamento d’aria e pompe di calore

I controlli di perdite sono basati sulle tonnellate di CO2 equivalente dei gas fluorurati ad effetto serra. Il nuovo Regolamento sostituisce le soglie es. :

3 kg—> 5 tonnellate di CO2-eq

Come calcolare il GWP (Ton-equiv di CO2)?

Si moltiplica la quantità di refrigerante in tonnellate (Kg/1000) per il GWP

3 Kg di R410 (GWP 2088): (3/1000) x 2088 = 0,003 x 2088= 6,26 Ton-equiv di CO2

Come calcolare Kg di refrigerante corrispondenti a 5 Ton-equiv CO2

Si divide i kg equivalenti (Ton-equiv x1000) per il GWP R410 (GWP 2088): (5×1000)/2088 = 5000/2088= 2,39 Kg

Questo significa che il limite della carica, con cui vengono applicati i controlli delle perdite, dipenderà dal GWP del refrigerante contenuto nel dispositivo.

Tabella conversione della CO2_equivalente in peso con la soglia dei gas fluorurati ad effetto serra più usati:

 

La frequenza dei controlli di perdita rimangono basati sulla stessa frequenza prevista dalla Regolamentazione (EC) 842/2006.

 A= ≥ 500 Ton-equiv di CO2      B=≥50 e <500 Ton-equiv di CO2      C=≥5 e <50 Ton-equiv di CO2

Il diagramma di flusso schematizza il processo che gli utenti dovrebbero compiere:

  Attenzione!! Le ditte che operano sugli impianti RACHP* devono essere in possesso dei requisiti tecnici e delle certificazioni F- Gas “Impresa” – “Persona Fisica” a seconda del tipo di intervento, vedi:

 *Rachp (Refrigerazione, Condizionamento e pompe di calore HP)

Dal 1 Gennaio 2015 NON è più possibile riparare o  ricaricare i climatizzatori ad R22   leggi —> 1°gennaio2015 STOP definitivo R22

OBBLIGHI DELL’OPERATORE* DELL’APPARECCHIO:  Regolamentazione F-gas 

– Accertarsi che installazione/manutenzioni siano effettuate da personale e aziende certificate

– In seguito a rilascio del Registro dell’apparecchiatura effettuare registrazione impianto sul sito ISPRA

– Far eseguire controllo delle perdite con frequenza stabilita da normativa in base a quantità di HFC nell’impianto (vedi tabella)

– In caso di individuazione di perdite e successiva riparazione far eseguire nuovi controlli entro 1 mese dalla data della riparazione

– Entro il 31 Maggio di ogni anno registrare sul sito ISPRA le manutenzioni effettuate nell’anno precedente

*Operatore: Proprietario/Utilizzatore/Terzo Responsabile di apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento d’aria e pompe di calore che contengono Fgas

Tenuta dei registri: Regolamentazione F-gas 

Il paragrafo 1 dell’articolo 6 relativo alla «Tenuta dei registri» afferma: «Gli operatori di apparecchiature per cui sono necessari controlli per verificare la presenza di eventuali perdite a norma dell’articolo 4 paragrafo 1 istituiscono e tengono per ciascuna di tali apparecchiature registri in cui sono specificate:

a)Quantità e tipologia gas fluorurati a effetto serra

b)Quantità gas fluorurati a effetto serra aggiunti durante installazione, manutenzione e assistenza a causa di perdite

c)Se le quantità di gas fluorurati a effetto serra installati siano state riciclate o rigenerate (specificando nome e indirizzo impianto riciclaggio/rigenerazione e numero del certificato)

d)Quantità di gas fluorurati a effetto serra recuperati

e)Identità impresa e numero certificato che ha effettuato installazione, manutenzione, riparazione e smantellamento apparecchiature

f)Date e risultati controlli effettuati

g)Nel caso di smantellamento le misure adottate per recuperare/smaltire i gas fluorurati a effetto serra»

SANZIONI: Regolamentazione F-gas 

Decreto legge n° 26 del 5 Marzo 2013 Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni di cui al regolamento (CE) n°842/2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra